Donato Telesca è ufficialmente qualificato per le Paralimpiadi.

L’Azzurro migliora ulteriormente la ranking list per Parigi 2024 conquistando il terzo posto.

Donato Telesca impegnato oggi nella World Cup di Tbilisi, in Georgia, nella categoria fino a 72 kg, conquista la medaglia d’argento e migliora ulteriormente la sua posizione nella ranking list che già lo vedeva ben piazzato in ottica Parigi. Telesca è protagonista di un testa a testa emozionante con l’inglese Mark Swan: dopo la prima alzata nulla a 212, l’Azzurro di Pietragalla mette a segno la misura per poi migliorarsi con 216, che gli vale il nuovo record Europeo. Un primato momentaneo, purtroppo, perché l’avversario inglese è pronto a soffiarglielo dopo pochi secondi con 217 kg. L’oro è andato dunque a Swan, ma i 216 conquistati da Telesca gli permettono di superare il cinese Hu Peng e di raggiungere il terzo posto nella ranking list a cinque cerchi, subito dietro l’inglese e al malese Anak Gustin Bonnie Bunyau con 231 kg.

Le dichiarazioni

Donato Telesca

La prima prova non è stata pulita. Alla seconda volevo sollevare quel bilanciere a tutti i costi e sono riuscito a portare a casa la misura. Sono contento di aver superato il cinese nella ranking list per Parigi ma ho l’amaro in bocca per non aver conquistato l’oro e non aver superato il britannico. Ora testa a Parigi: mi aspettano due mesi intensi, sono molto carico.

Sandro Boraschi

È stata una gara incredibile, preparata a tavolino con tutti i tecnici, per dare un segnale netto agli avversari. Purtroppo ci siamo ‘bruciati’ la prima prova perché Donato ha chiuso male con il gomito destro, causando la chiamata nulla e abbiamo dato il fianco all’inglese: poi dopo la seconda alzata buona a 212, abbiamo visto che il cinese cominciava a rincorrerci e abbiamo cominciato a giocare kilo su kilo con l’atleta britannico. Sono contento di aver giocato la challenge sull’ultima alzata, che inizialmente ci avevano dato nulla, poi applausi a Swan che è riuscito a tirar fuori una prestazione importante. Ora ci concentriamo su Parigi e prevedo che sarà una lotta kilo su kilo.